Passa ai contenuti principali

OMENS - Henoel Grech

Le Colonne Sonore sono creature particolari, fantastiche e impalpabili. Meno appariscenti rispetto ai brani da classifica, da alcuni ritenute pulcini minori della covata. Eppure.
Eppure penso a come sembrerebbero Jaws, Star Wars, Star Trek, The Piano, Once upon a Time in America, Psyco e decine di produzioni senza quelle musiche meravigliose, che meritano senza dubbio di stare sotto i riflettori, anzi di più, per la loro indiscussa qualità. 

Ecco un video illuminante su come la musica in un film faccia la differenza, declinando varie atmosfere:





Credo che le colonne sonore siano per i film come i bassisti per le band: assolutamente essenziali (non me ne vogliano gli altri componenti della band). Risuonano nel terreno sotto i vostri piedi, prendono allo stomaco scatenando emozioni diverse e restano nelle orecchie per ore e giorni.
La colonna sonora è per me un personaggio stesso del film, immancabile per la riuscita di una pellicola, capace di evocare precise scene o stati d'animo o essendo rappresentativa di un'intera storia.
Le Soundtrack create appositamente per i film, poi, esercitano un incantesimo particolare, nascendo per quella fotografia e per quelle scene e richiamandole alla mente con poche note.

Avevo parlato dello splendido cortometraggio Nona qui, e di Massimo Volta, che armato di talento e di passione per Stephen King ha creato un gioiellino imperdibile.
Nona ha una sceneggiatura e una fotografia molto belle, è basato su un racconto di Stephen King e funziona grazie anche al terzo elemento imprescindibile per la riuscita di un film, la musica.
Henoel Grech, composer e sound designer, ne è l'autore, ed è stato di recente ospite assieme a Massimo Volta al Salone del Libro di Torino per parlare di Nona (e di qualche aneddoto sul backstage delle riprese) e presentare il nuovo attesissimo progetto I KILL MONSTERS.

La musica di Henoel entra prepotente e accompagna Nona durante la sua danza tra amore e morte, magnetica, trascinante o emozionante, ma sempre originale.
Omens ha ben 12 pezzi, e consiglio caldamente di ascoltarli in macchina, con i finestrini aperti, all'ora del tramonto, fuori città, quando l'erba dei campi ha un profumo tutto suo.
Oppure in cuffia, di sera, senza distrazioni.
Non è una colonna sonora da ascoltare velocemente, non potete farle questo sgarbo.

Ho preferito più di tutti il primo e il dodicesimo brano, al termine del quale un demone ha posseduto lo stereo della macchina facendogli sputare il cd e il seguente messaggio:


presagi che non si possono ignorare, dato anche il titolo dell'album, assolutamente da comprare.

E' davvero bello e confortante constatare come il cinema in Italia possa contare su questi artisti capaci e talentuosi che combattono per produzioni di alta qualità, e che conoscono perfettamente i generi che vanno ad esplorare. Sono creativi davvero da seguire e supportare per la qualità del loro lavoro prima di tutto, ma soprattutto per l'energia e la passione con cui lavorano.

OMENS ANTEPRIMA DEI BRANI
HENOEL GRECH - AMAZON SHOP
NEON CROW
MASSIMO VOLTA
















Commenti

  1. Penso ad alcune scene di western di Leone o che so "Piramide di paura" con un altra colonna sonora, ora ne parleremmo come film molto diversi. Grazie per la segnalazione! ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente! Ci sono artisti che hanno reso indimenticabili certi film proprio grazie alla loro musica.

      Elimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA