Passa ai contenuti principali

Perchè vai al Gay Pride?

Torino, 9 luglio 2016, giorno del 10° Gay Pride ore 17.
In mattinata, incontrando degli amici, mi è stato chiesto "Perché vai al Gay Pride"? Invero pensavo fosse palese il motivo, ma evidentemente non lo è, e spiego molto volentieri le mie ragioni.
Io godo di diritti per cui non ho combattuto. Il diritto a votare, la parità (non ancora completa) tra uomo e donna, il diritto alle ferie, e molti altri "privilegi" che ormai diamo per scontati.
Non lo sono affatto, ed in molti Paesi più arretrati non esistono ancora.
In Italia qualcuno ha lottato perché io potessi goderne. Non tutte le persone che hanno combattuto per il diritto al voto delle donne era donna, magri erano mariti, amici, simpatizzanti, ALLEATI.
Ed io sono un'alleata del movimento gay, come lo sono per i diritti degli animali, delle donne e di tutte quelle anime che hanno bisogno del mio sostegno.
E' importante scendere in piazza e sostenere i diritti degli altri, anche se non cambierebbero di una virgola le nostre vite.
Serve a tenere lontano l'odio, che combina tanti, troppi guai. Sembrano cose separate, ma odio verso i gay, verso gli immigrati, verso le persone di colore o nazionalità diversa, verso le donne con conseguenti discriminazioni, segregazioni, imposizioni o femminicidi SONO COLLEGATI.
E' il negare ad un altro quello che ho io e non è giusto. Il mondo deve essere uguale per tutti, bisogna avere in dotazione la vita e gli stessi diritti, la spessa possibilità di scegliere.
C'è qualcuno che con odio e rabbia non accetta tutto questo, ma per cambiare le cose dobbiamo scendere in piazza. Magari non accadrà nulla di nuovo nell'immediato, ma è per dire "IO CI SONO E SONO AL VOSTRO FIANCO".
Mi è capitato di leggere beceri e medievali commenti, come di sentirne ieri in autobus al ritorno dalla manifestazione, del tipo "eh ma con tutti i problemi che ci sono questi fanno festa e basta, ci sono cose più importanti come la mancanza di lavoro o i poveri". Rispondo a queste persone ottuse, grette e mentecatte che c'è spazio per scendere in piazza per qualsiasi tematica e nessuna esclude l'altra. Inoltre la politica del "mi occupo del mio fazzoletto di terra degli altri fregauncazzo" non è accettabile. Non ci sono problemi più importanti di altri, perché ognuna di queste persone vive dei disagi reali, dei problemi REALI che sono da risolvere al presto.
Penso al diritto di scegliere se sposarsi o meno, al diritto di adottare, al diritto di lasciare in eredità all'amore della propria vita anziché ad anonimi e magari stronzi parenti. E non sono drammi reali questi?
Di solito chi muove queste critiche non scende in piazza nemmeno per lavoro e povertà, anzi magari vede un barbone o un immigrato e si volta dall'altra parte prendendo uno degli smartphone dalla borsa per scrivere di calcio o ricette.
Aggiungo un'ultima cosa: mi piace andare al Gay Pride perché è la manifestazione più pacifica, colorata e allegra a cui abbia mai partecipato.
Peace & Love.



****NOTA: Chiunque voglia essere cancellato dalle foto può contattarmi e la foto verrà rimossa immediatamente.



























Commenti

  1. Hai fatto benissimo! Concordo in pieno!

    RispondiElimina
  2. È importante ricordare che i diritti sono stati faticosamente conquistati e che molti non sono ancora disponibili. Grazie, Lady Simmons.

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA