Passa ai contenuti principali

Wes Craven

Ho iniziato a guardare film horror assieme a mio padre, di nascosto, perché mia madre si arrabbiava un sacco. Ero adolescente e rispetto alle mie coetanee avevo gusti bizzarri: i film cinesi e giapponesi, la musica metal, l'horror, la fantascienza, l'informatica, i fumetti Marvel, i cartoni dei robottoni giapponesi. Mio padre adorava i film horror. E la fotografia, due delle cose che ho ereditato da lui.
Questo mi è venuto in mente quando ho letto della morte di Wes Craven.
E' curioso quanto possa fare effetto una notizia appresa sul web, relativa alla morte di uno sconosciuto - seppur illustre - a miglia di distanza.
Il primo film horror al cinema è stato proprio Nightmare, dal Profondo della notte. Una mia amica aveva accesso al cinema di famiglia, per cui pur non avendo l'età adatta, quel pomeriggio abbiamo potuto conoscere Wes Craven. E che incubi! Per anni ho sognato di tanto in tanto Freddy Krueger che cercava di farmi a fette nei sogni, e riguardandolo ieri sera confesso di restare ancora turbata.
Il film invecchia benissimo.
Tornando al dispiacere della morte di Craven, ogni regista che suscita in me una emozione profonda (e sono pochi perché ho gusti difficili) mi diventa di famiglia, di qualsiasi genere si tratti. Ma il regista horror, che muove corde più intime di tutte alimentando le nostre paure, crea un legame più forte con il suo spettatore.
Naturalmente Nightmare non è il suo unico film di successo e l'horror non il suo unico genere, ma io lo ricorderò per questo, e lo ringrazio per avermi onorato con i primi incubi da pellicola, come ringrazierò sempre mio padre per avermi iniziato al genere...




Commenti

  1. Anche per me il primo film di Wes Craven che ho visto è stato "Nightmare", a lungo è stato il mio regista horror preferito.
    Mi manca già tanto....

    RispondiElimina
  2. Ma guarda sul fa della sera, mentre sto per spegnere finalmente il pc per lavoro chi ti incontro Lady Simmons, un incontro inaspettato quanto sorprendente..
    Eh si,, perchè credevo di essere l'unica ad avere gusti bizzarri( presuntuosa) ed invece...
    Una grande perdita, anche perchè la tecnica dell'horror a mio avviso è una delle più ostiche , in quanto c'è il rischio di cadere nello "Splash" e lui non l'ha mai fatto...Ci resteranno i suoi lavori mia cara..quanti lutti importanti in questi ultimi tempi.
    Felice di essermi unita ai tuoi amici ed essere ritenuta tale.
    Felice se vorrai unirti al mio blog , grazie e un abbraccio con unghie molto corte!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA