Passa ai contenuti principali

Save the sea

Ammetto di aver trascurato il blog non poco, e di interrogarmi sulla utilità di tenerlo aperto. Invero ci sono affezionata, e ho deciso che dovrei secondo me "specializzarmi" in un argomento solo, lasciando ai social network le altre argomentazioni più frivole.
L'idea sarebbe di dedicare il blog alla musica ad ampio raggio, in special modo i film sulla musica o in qualche modo connessi alla musica.

Mentre penso a questa ristrutturazione vorrei parlare di una cosa che mi sta molto a cuore. Chi mi conosce sa che sono particolarmente attenta ad animali e ambiente. Cerco di avere un basso impatto sul pianeta, ma per quanto mi sforzi mi rendo conto che produciamo troppi rifiuti, possediamo troppe cose e inquiniamo in modo smisurato.

Due giorni fa ho visto un servizio in tv dal nome "Salviamo il mare". Mi ha spezzato il cuore. Letteralmente. Cosa stiamo facendo al mare, alla Terra? Esistono ISOLE di rifiuti plastici a galla negli oceani di dimensioni assurde. E' roba nostra, siamo noi che la produciamo, siamo noi che ammazziamo il mare. Non posso postare il filmato visto in tv, ma questo rende l'idea.


Consumiamo e buttiamo troppa plastica, basti pensare alle bottiglie d'acqua, Ho intenzione di informarmi per acquistare acqua in bottiglie di vetro oppure per mettere  un filtro per l'acqua di rubinetto, accetto suggerimenti da chi è più informato di me.
Nel nostro piccolo possiamo fare tante cose per inquinare meno, usare sacchetti riciclabili della spesa in stoffa, comprare cibi senza involucri di plastica, usare cartoni al posto delle buste, comprare il latte e le bevande in contenitori di cartone, riciclare quando possibile.
Richiede uno sforzo in più, ma ne vale la pena.

Prendete un attimo di tempo per guardare questo documentario, non solo avveleniamo i mari con la plastica, ma condanniamo innocenti creature a cibarsi di essa.




Spero che l'uomo si dia una regolata, non possiamo maltrattare il Pianeta senza conseguenze.

Commenti

  1. ...Altrimenti il pianeta saprà come difendersi.

    RispondiElimina
  2. Siamo forse la specie peggiore e più egoista mai apparsa sul pianete Terra.
    Purtroppo la cosa peggiore è che fino agli anni 70 la gente magari aveva la scusa del non sapere e di non avere ben chiaro le conseguenze dell'inquinamento. Oggi invece sappiamo bene tutto...eppure molti continuano a comportarsi come se niente fosse.

    RispondiElimina
  3. togli pure il "FORSE". siamo , per usare una citazione cinematografica famosa, il virus piu' letale che questo pianeta abbia mai conosciuto e mai conoscera'. Tristissima cosa ma vera. Crash

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA