Passa ai contenuti principali

Slash – Myles Kennedy & The Conspirators 16 novembre Torino

Slash ft. Myles Kennedy & the Conspirators, al PalaOlimpico di Torino, 16 novembre 2014.
Quando sono stati messi in vendita i biglietti d’impulso ne ho comprati due immediatamente. Si potrà amare o non amare, ma con Slash ci siamo cresciuti, noi di qualche decade fa amanti del rock di un certo stile.
Mi è sempre piaciuto Slash, perché non è uno sbruffone. Anche nei periodi tossico-alcolici è sempre rimasto più timido di Axl Rose, chiuso nel suo mondo di Les Paul e Marshall, al sicuro dietro Ray-Ban e cappello a cilindro. 
E nel mio immaginario, benchè ne esistano altri tecnicamente più difficili o virtuosi, l’assolo di November Rain, da ascoltare con video “on” resta il più rock’n’roll di sempre, manifesto di un’epoca, struggente, poetico, indimenticabile.
Myles Kennedy invece non mi interessava proprio. Ha una bella voce, nulla da dire, ma non mi entusiasmava (e nemmeno adesso). La musica è un innamoramento, e in questa relazione emotiva e selvaggia che è il rock o ci si piace o no.

La setlist della serata è stata questa:

1.You're a Lie (album Apocalyptic Love)
2.Nightrain (Guns N’ Roses cover)
3.Halo (album Apocalyptic Love)
4.Avalon (album World on Fire)
5.Back from Cali (Slash cover – album Slash)
6.Withered Delilah (album World on Fire)
7.You Could Be Mine (Guns N’ Roses cover)
8.Ghost (Slash cover – album Slash)
9.Doctor Alibi (Slash cover Todd Kerns on lead vocals – album Slash)
10.You're Crazy (Guns N’ Roses cover Todd Kerns on lead vocals)
11.Shadow Life (album World on Fire)
12.Beneath the Savage Sun (album World on Fire)
13.Mr. Brownstone (Guns N’ Roses cover) 
14.Rocket Queen (Guns N’ Roses cover)
15.Bent to Fly (album World on Fire)
16.World on Fire (album World on Fire)
17.Anastasia (album Apocalyptic Love)
18.Sweet Child O' Mine (Guns N’ Roses cover)
19.Slither (Velvet Revolver cover – album Contraband)
Encore:
20.Paradise City (Guns N’ Roses cover)

Ben 7 canzoni dei Guns’n’Roses, una dei Velvet Revolver e le altre dagli ultimi due album e qualcuna di Slash dall’album omonimo. Nessuna degli Slash’s Snakepit, peccato.
Al secondo pezzo, Nightrain, c’è stato il primo grande boato, e il concerto è partito davvero.
La vera sorpresa è stata Todd Kerns: un rocker che si diverte sul palco, con i suoi lunghi capelli lisci ed il suo basso potente.  Al nono pezzo prende lui il microfono e parte con Doctor Alibi, e qui (per me) cambia tutto, riconosco un sound che mi piace molto, un piglio forsennato di chi ha QUELLA musica nel sangue.
Poi delle note che mi sembra di riconoscere, ma il tempo è accellerato, è You’re Crazy, versione cattivissima, con la voce di Todd che fa pazzie, Slash che lo lascia fare, non oscura né lui né la band, è un musicista vero che non ha bisogno di mettersi in mostra.
E poi si ricomincia con Myles Kennedy, a cui devo dare atto di saper cantare le canzoni dei Guns, cosa tutt’altro che facile.
Anastasia è stato un pezzo bello, ma su Sweet Child of Mine è venuto giù tutto, il momento più bello di tutto il live...sentire quell riff suonato da LUI. Mi sono commossa, confesso, e m’ha preso una feroce nostalgia dei Guns’n’Roses e di quei live visti soltanto nelle VHS o su internet. 
Strepitoso, Slash in formissima, ripulito, divertito, mai fermo sul palco, eccezionale.
Hanno cominciato puntuali alle 21, ed alle 23 circa era tutto finito, due ore di sano rock, di quello che ti fa uscire un po' malinconico perchè ne vorresti di più.


I musicisti sono stati bravi, Slash magnifico, ed il concerto mi è piaciuto, anche se…i Guns erano un’altra cosa. Ecco, L’HO DETTO!!




NOTA: copyright dei video dei legittimi proprietari

Commenti

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA