Passa ai contenuti principali

DANIZA

AnimalieAnimali.it




Oggi è una giornata tutta per Daniza, uccisa dalla barbarie dall'ignoranza, dalla noncuranza verso creature innocenti. Oggi il mondo è più buio, e questo è il solito pasticciaccio all'italiana con la ricetta base: incompetenza, scaricabarile, non presa in carico di responsabilità. VERGOGNATEVI! DIMETTETEVI! Meritate la GALERA!

Commenti

  1. Non riusciamo mai a convivere in pace ed in armonia con la natura.
    Siamo noi le vere bestie del creato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dobbiamo protestare sempre e parlarne finchè qualcosa non cambierà...

      Elimina
  2. Una serie di superficialità, di trascuratezze, di sciatterie e di semplice stupidità - a cominciare dal cercatore di funghi che "voleva dare un'occhiata ai cuccioli" - hanno determinato una situazione irreparabile. Che ci piaccia o no in quanto specie dominante del pianeta abbiamo enormi responsabilità verso la fauna e la flora, mentre l'unico sistema di risolvere i problemi rimane quello di seppellire (in senso reale, questa volta) anche le specie non umane sotto una montagna di burocrazia. No, non funziona, né per gli umani né per i non umani. Mi auguro che la morte della povera Daniza serva come insegnamento per le condotte future, anche se non posso giurarci. E comunque credo che dovremmo impedire anche con provvedimenti draconiani il vagabondare idiota per i boschi cercando Yoghi e Bubu. Non siamo in un film di Walt Disney.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli esseri umani sono talmente tracotanti...il pianeta NON E' NOSTRO, è l'habitat di tante specie che hanno gli stessi nostri diritti.
      Probabilmente il fungaiolo voleva postare una foto su internet per fare il figo con gli amici. Un'orsa è morta e due cuccioli sono in balia degli eventi.

      Elimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA