Passa ai contenuti principali

Les Revenants - Prima stagione

Vacanze di Natale 2013. Divano e telecomando, tisana calda e spuntino.
Sto per entrare nella piccola cittadina dove misteriosamente i morti tornano in vita. E chiedono attenzione.
Non i soliti zombie putrescenti, non le pagliacciate maldestre e logorroiche di The Walking Dead, non l’orrore che attanaglia mentre le viscere del malcapitato vengono straziate tra schizzi di sangue e grida.


Les Revenants è uno di quei gioielli assieme a Dead Set e In The Flesh. Tutte e tre le serie sono eccellenti, ed offrono una diversa lente per osservare il mondo degli zombie tanto alla moda oggi, mentre 20-30 anni fa erano considerati roba da nerd brufolosi e solitari.

Affascinante, emotiva, realistica ed intimista, la storia de Les Revenants si basa su un’idea tanto agghiacciante quanto semplice: alcuni morti deceduti a distanza di anni e sepolti con tanto di corpo nella bara ritornano in vita. Dai loro cari.
Non ricordano nulla della loro morte. Non sanno cosa è accaduto. Tornano e rivogliono la loro vita. Ma i vivi nel frattempo hanno imparato a fare senza di loro, dopo anni di mancanza e dolore.





Ed è questo il leitmotif della serie, come gestire la cosa, come affrontare nella vita pratica e quotidiana la presenza ingombrante dei cari estinti.
Sono malvagi o sono gli stessi di sempre? Chi li ha portati indietro? Resteranno? Possono morire ancora?
Attraverso le vicende di varie famiglie e situazioni continuiamo a porci queste domande incollati allo schermo senza avere alcuna risposta sino all’ultima puntata.

***ATTENZIONE SPOILER ****
Sappiamo che hanno una fame insaziabile, non di cervelli, ma di cibo vero.
Sappiamo che i corpi non sono più al loro posto, sotto terra.
Sappiamo che la loro età è rimasta quella della loro morte.
Sappiamo che se contrariati scatenano in modo inconsapevole (o forse no?) strani eventi, suicidi o sbalzi di tensione, strane cicatrici. E che la diga sovrastante il paese è una specie di punto focale da cui non si può scappare, come dal bosco. A nessuno è permesso lasciare la cittadina.
E l’acqua scende, scende di livello lasciano riemergere il vecchio paese abbandonato anni prima e carcasse di animali morte affogate, volontariamente.

Otto mirabili puntate attraverso cui Fabrice Gobert ci racconta le storie di Simon, morto il giorno del suo matrimonio, Camille ragazzina difficile, Victor, inquietante bambino morto diversi decenni prima, Serge, serial killer tornato a tormentare suo fratello e forse a mietere altre vittime…
Tutta la cittadina subisce una metamorfosi, e sprofonda nel baratro dell’impossibile con un finale che lascia col fiato più che sospeso.
La serie, mandata in onda per la prima volta su Canal+ nel 2012, è stata ispirata da un film omonimo del 2004, Les Revenants di Robin Campillo, che sto cercando di procurarmi rosa dalla curiosità.
Le musiche, altrettanto intriganti sono dei Mogwai, gruppo scozzese che prende il nome dai Gremlins (film del 1984 di Joe Dante e pilastro della mia formazione cinematografica) già per questo mi stanno simpatici.


Le riprese sono state effettuate in Francia nei pressi di Annecy, principalmente nella cittadina di Seynod, mentre la diga è quella di Tignes. Questa cittadina, prima della seconda guerra mondiale giaceva proprio dove ora c’è la diga, come nella serie tv.
Dopo la prima Guerra Mondiale il bisogno di energia elettrica era importante.
Sono stati acquistati terreni su terreni e il progetto della diga è diventata un imponente cantiere, dopo qualche tentativo di sabotaggio e resistenza degli abitanti  finiti con l’esproprio dei terreni dei più recalcitranti.






Anche il piccolo cimitero non è stato risparmiato. I corpi esumati, e due madri a contendersi un corpicino della loro figlia. Viene ritrovato anche un cranio spaccato in due, e i segreti di una famiglia nascosti a lungo prendono aria assieme ai vivi. 
Cinque anni di lavori. Muri, alberi, case spazzate via. Molti operai sono morti nella costruzione, si dice che siano restati intrappolati nel cemento. L’acqua ha ricoperto tutto.
Molti abitanti del paesino non si sono rassegnati e hanno perso la testa, ci sono stati diversi suicidi e morti inquietanti.
Ogni 10 anni la diga veniva svuotata per l’ispezione di routine, ed il villaggio emergeva dal fondo del bacino per sventolare i suoi fantasmi e quello che restava delle abitazioni.
Dal 2000 però è stato deciso di non procedere più, in quanto tali operazioni possono essere effettuate tramite dei robot.
Ed il paese resta sepolto nel fango, e le sue storie in un gorgo di cemento e acqua, al buio e al silenzio.
Una ispirazione perfetta per una serie come Les Revenants.

E adesso fate un giro in città, se non avete paura PARTENDO DA QUI

IL COPYRIGHT DEL FILMATO E DELLE FOTO SONO DEI RISPETTIVI PROPRIETARI. Le foto provengono da questo sito 

Commenti

  1. Grazie per la segnalazione!
    (Ma si trova in italiano?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ho mandato email in privato su come trovarla

      Elimina
  2. Lo cercherò ij giro, debbo dire che mi hai veramente incuriosito.;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem anche per te Nick! Leggi la posta

      Elimina
  3. Una delle serie più belle e profonde mai viste in TV

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E le altre due le hai viste Eddy? Dead Set e In The Flesh?

      Elimina
    2. Ecco qua:
      http://themovie-club.blogspot.com/2013/04/in-flesh-2013.html
      http://themovie-club.blogspot.it/2010/12/deadset.html

      Quella su deadset è ridotta all'osso che ero ancora in cerca di identità nel blog... ;)

      Elimina
    3. Che stupida Eddy...ti chiedo scusa...E' DAL TUO BLOG che ho scoperto di queste due serie....! Scusa ma la mia memoria è andata in vacanza.....

      Elimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA