Passa ai contenuti principali

SOGNI

Is a dream a lie if it don't come true
Or is it something worse...

- Bruce Springsteen, The River
 
Winter is coming, e con esso le riflessioni, oltre che le maratone invernali di serie tv. Ho appena comprato la prima stagione di Downtown Abbey, spero non mi deluda.
La pizza di patate (ricetta segreta della mamma, una delizia) è nel forno, e mentre queste pratiche casalinghe mi tenevano impegnate mi è venuta in mente una immagine di me adolescente che uscivo sotto la pioggia col walkman e camminavo per ore, solo per sentire della musica da sola.
Sognavo di lavorare in un negozio di dischi, proprio come nel libro Alta Fedeltà e nel film Empire Records. Sognavo di avere capelli viola e di poter sfoggiare al lavoro tutte le mie magliette delle band che ancora compro e che devo tenere nel cassetto per metterle in libertà solo nel tempo libero.

Mi interesserebbe sapere quali fossero i vostri di sogni e dove sono andati, se non vi accompagnano.

 
 
 
 




Commenti

  1. Beh, il mio sogno è al passato.
    Ho fatto il libraio, il che era un mio vecchio sogno. In alternativa avrei fatto volentieri il jazzista, ma non avevo abbastanza talento. Non ho mai sognato, in realtà, di diventare uno scrittore, anche perché non è un bel lavoro. E anche in queso caso ci vuole talento :-(

    RispondiElimina
  2. Ma hai realizzato il sogno di fare il librario!! Era al primo posto?

    RispondiElimina
  3. Il mio sogno SAREBBE di farmi i capelli rosa, viola, blu elettrico, fuxia, verde petrolio ecc… ma non lo faccio perché essendo scuri li devo decolorare e poi si rovinano.

    L'altro sogno è andare a vivere all'isola d'Elba e fare la netturbina! E non avere la TV nemmeno là

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA