Passa ai contenuti principali

PERCHE' IL PAESE VA A ROTOLI

Al posto della gola oggi ho un vulcano, tanto che mi fa male un orecchio per tenerle compagnia. Indecisa se prendere un antibiotico (i dottori non rispondo mai quando servono) sono in preda a riflessioni SERIE sul perchè il paese è allo sbando. Insomma siamo senza governo da decine di giorni, il balletto del prima io no vai tu, no forse eleggiamo un presidente ma anche no, oltre alle pagliacciate di chi deve presentarsi in aula e non si presenta sono solo espressione di qualcosa di sotteraneo, viscerale che procede da decenni e secoli. La classe polica sgualfa, pigra, chiacchierona e indecisa è espressione dei votanti, rappresentano eccome il popolo italiano. La verità è che qui la maggiorparte delle persone lavora di merda. La classe politica altrettanto. Ma non è un post politico, è un post edilizio. Mi spiego, abbiamo comprato una casa nuova. Doveva filare tutto lisco come l'olio ed invece:
1. una delle prese di corrente aveva la massa collegata alla presa a terra e viceversa, facendo scattare ogni volta il contatore;
2. i box doccia perdono acqua, il vetro che funge da porta è TROPPO CORTO, e siamo in ballo da mesi per farcelo sostituire;
3. una delle porte si è rivelata GONFIA, ma proprio gonfia sotto. Sono sei mesi che aspettiamo la porta nuova (bianca, normalissima);
4. i tecnici che ci hanno montato la cucina, grosso marchio, molto amato dagli italiani, ci hanno montato un pezzo della cappa a cazzo imbrattando il muro appena decorato di silicone, hanno lasciato vistosi segni di matita sul muro per tutta la parete, di loro iniziativa hanno tassellato a vista i pensili per giunta forandoli senza chiederci nulla. Risultato: abbiamo dovuto far tornare ild ecoratore, abbiamo i mobili forati, si rifiutano di pagare la fattura;
5. gli stessi geni hanno sbagliato per ben TRE volte di fila la misura delle alzatine del top (se le rpendevo io ero più brava);
6. la scala in vetro e acciaio inox aveva un gradino difettato;
7. nella rampa dei box sempre l'elettricista cane del punto 1 NON E' IN GRADO DI METTERE UN SENSORE CHE AZIONI LA LUCE AL PASSAGGIO DI AUTO E PERSONE SENZA FAR SCATTARE TUTTA L'ILLUMINAZIONE DELLE ZONE COMUNI DEL CONDOMINIO;
8. hanno sbagliato a lucidare il parquet facendolo bicolore;
9. due settimane fa entrava acqua dal tetto;
10. abbiamo ordinato due specchi, uno rettangolare ed uno personalizzato perchè nel bagno il tetto della mansarda scende. Hanno sbagliato le misure di quello rettangolare; Così come lavorano a cazzo tutte queste persone, così la classe dirigente del paese, sono l'esatto specchio di quella che è la professionalità al giorno d'oggi, una merda appunto. Ah siii l'eccellenza italiana. Ma dove? Quando? In alcune cose sarà così, ma io vedo che il customer care qui deficita e parecchio, mentre in USA e in altri apesi del Nord Europa ti portano in palmo di mano e se sbagliano si genuflettono risolvendo. Qui s'incazzano pure e lavorano per aggiustare le cose (quando va bene) solo se li minacchi di chiamare l'avvocato. Ed è così anche al lavoro, c'è chi scalda la sedia o finge di non saper fare e chi deve lavorare per loro perchè il capo dice "fallo tu che sei brava"...


Per consolarmi vado ad addormentarmi con le ultime due puntate della terza stagione di THE TALKING DEAD, almeno rido.

Commenti

  1. Piccolo esempio su come si lavora in Italia:
    -Lunedì 8 aprile il mio modem smette di funzionare chiamo il servizio clienti della società per cui pago il servizio da oltre tre anni e mezzo, mi dicono che il modem di sostituzione arriverà il prima possibile
    - lunedì 15 ancora non è arrivato niente, richiamo il servizio clienti e dopo tre telefonate andate a vuoto l'operatore con cui parlo "SCOPRE" che l'ordine non è nemmeno ancora partito,anzi si stupiscono loro che non sia ancora avvenuta la consegna minaccio di andare tramite associazione consumatori, di non pagargli il servizio per i giorni che il modem è stato rotto, e dopo nemmeno mezz'ora mi richiama lo spedizioniere scusandosi dei ritardi sostenendo però che è tutta colpa della compagnia presso cui sono abbonato.
    -Il giorno 17 mi consegnano un modem sostitutivo, però SORPRESA funziona male, richiamo il servizio clienti e dopo un ora infruttuosa riescono a dirmi solo che si tratta di un modello talmente nuovo che loro per primi non sanno come funziona, mi chiedono di richiamare dopo 48 ore.
    Risultato? Dopo 12 giorni mi connetto ancora con la connessione di amici.
    E questo è un piccolo problema, non è certo come l'amministrazione di una nazione o come quello che sta capitando a te e al tuo compagno,
    però la mia domanda è questa: se anche quelli che dovrebbero affrontare un piccolo minuscolo problema come il mio riescono a complicare le cose, allora che speranze abbiamo di risolvere le grandi questioni?

    RispondiElimina
  2. Non per consolarti ma ......
    (fatti veramente avvenuti 10 anni fa quando cambiai io casa)
    1) muro divisorio sbagliato di 20 cm (lo hanno dovuto buttare giu e rifare)
    2) piano in vetro del bagno azzurro, lo avevamo chiesto beige
    3) impianto del bagno secondo standard tedeschi, così tutte le volte che devo cambiare qualcosa non si trova ....
    4) box doccia che si è rotto 1 mese dopo l'uso
    5) ascensore "nuovo" che sembrava di essere sullo shuttle in fase di decollo, e quindi fermato poi per 3 (TRE) mesi in attesa di sostituzione.
    E posso citarne ancora altre 10, e noi siamo a detta di altri stati "fortunati".

    L'italia và così perche gli italiani onesti non si sono ancora veramente incazzati, ma manca poco ahime! Speriamo almeno in una rivoluziona pacifica, ma non bisogna mollare!.

    Good Luck everybody

    RispondiElimina
  3. Esempio aggiuntivo: Amico ha contratto telefonico con X. Dopo qualche settimana che il tecnico non viene - non va internet - il customer care gli consiglia di rivolgersi a un avvocato.
    Potrei raccontarne due sul luogo in cui lavoro, ma immagino che tutti abbiano storie di questo tipo, che fanno più male quando sei utente/consumatore/elettore. In compenso, sono abbastanza fortunato dal punto di vista edilizio (ma solo perché non ho una casa mia). Ah, no. Ci siamo trovati un abuso edilizio che nessuno si era preso la briga di condonare.
    Anche questa è l'Italia, non solo scarpe.

    RispondiElimina
  4. Non c'è dubbio che la classe politica è lo specchio del popolo. Però è altrettanto vero che, come diceva Webster in una sua tragedia (guardacaso ambientata in Italia) il governo è come la sorgente di un fiume: se c'è veleno, inquina tutto il corso d'acqua. Siamo stati abituati a vivere in un paese dove la cosa pubblica è nota per la sua inefficienza e pressapochismo, e alla fine questa mentalità si trasmette anche nel cittadino.

    RispondiElimina
  5. Purtroppo hai ragione... io sono spesso esterrefatta dal pressappochismo e dall'incompetenza dei professionisti, in tutti i campi... per la casa, noi siamo anche in causa con l'impresa costruttrice per una miriade di disservizi.
    La classe politica... no comment. Tutti volti solo a portare acqua al proprio mulino. Mi fanno schifo in blocco. E mi stupisce come mai ancora non ci sia stata la rivolta generale.

    RispondiElimina
  6. AFORISMI SULLA POLITICA e ....buon divertimento (con l'amaro in bocca !!)

    L'organizzazione di una burocrazia è simile ad una cloaca, i pezzi grossi emergono sempre.
    (Anonimo)

    La differenza tra dittatura e democrazia è che in democrazia prima si vota e poi si prendono ordini, in dittatura non dobbiamo sprecare il nostro tempo andando a votare.

    Le mogli dei politici fanno tutte beneficenza. Hanno il senso di colpa per quello che rubano i mariti
    [Roberto Benigni )

    Uno stato è governato meglio da un uomo ottimo che da un'ottima legge.
    [Aristotele (384/3 a.C. - 322 a.C.) Filosofo greco]

    Il politico è un acrobata: si mantiene in equilibrio dicendo l'opposto di quel che fa.
    [Maurice Barrès (1862 – 1923) scrittore giornalista e politico francese]

    Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perchè nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica se stesso per il bene degli altri. E' suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a se stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.
    [TORO SEDUTO: Tatanka Yotanka (1831 - 1890) Capo tribù dei Hunkpapa Sioux (Lakota)]

    Il bello della democrazia è questo: tutti possono parlare, ma non occorre ascoltare.
    [Enzo Biagi (1920 - 06.11. 2007) Giornalista e scrittore italiano]

    Bizzarro popolo gli italiani. Un giorno 45 milioni di fascisti. Il giorno successivo 45 milioni divisi fra antifascisti e partigiani. Eppure questi 90 milioni di italiani non risultavano dai censimenti.
    [Winston Leonard Spencer Churchill (1874 - 1965) Statista inglese, Primo Ministro e premio Nobel per la letteratura 1953]

    Non sa niente e crede di sapere tutto. Questo fa chiaramente prevedere una carriera politica, in buona compagnia
    [George Bernard Shaw (1856 - 1950) Drammaturgo, narratore, saggista irlandese. Premio Nobel (1925) per la letteratura]

    Sono in molti a tirar fuori i soldi dalle tasche del prossimo. Coloro che lo fanno con le mani, si chiamano borsaioli.
    [Robert E.Lembke (1913 - 1989) Giornalista tedesco]

    Non si dicono mai tante bugie quante se ne dicono prima delle elezioni, durante una guerra e dopo la caccia.
    (Otto von Bismarck)

    Il grado di indignazione degli italiani assomiglia a un temporale estivo: intenso e molto rumoroso, ma di breve durata.
    (Anonimo)

    Dicono che comporti troppi oneri ricoprire una carica. E fanno i saltimbanchi pur di ottenerla!
    (Anonimo)

    La diplomazia è l'arte di rimandare le decisioni fino a quando le cose non si risolvono da sole.
    (Paulo Coelho)

    In politica la stupidità non è un handicap.
    (Napoleone I)

    La politica ormai è puro spettacolo e si confonde a volte il palco con il banco dell'imputato!
    (Anonimo)

    Zi M

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA