Passa ai contenuti principali

POTEVA ANDARE DIVERSAMENTE?

Poi dicono che gli animalisti sono dei rompipalle.
Io detesto scrivere questi post, ma quando accadono episodi simili a questo mi parte un moto di rabbia dalla bocca dello stomaco che deve venir fuori, nero su bianco.
Perchè la stupidità, crudeltà, pigrizia e miopia umana non ha confini. Perchè se da un lato ci sono associazioni animaliste come LIFE ARCTOS che si battono per la sopravvivenza di una specie in via d'estinzione, in particolare l'Orso Bruno, dall'altra ci sono "persone" che decidono che la vita di un animale è un fastidio e basta.

Il fatto è semplice: un Orso Bruno intraprendente dall'Italia va in Svizzera. Il letargo finisce prima, lui ha fame e si avventura nei pressi dei centri abitati. Un po' cercano di seguirlo, spaventarlo, poi si rompono le palle e siccome "mette in pericolo gli umani" si decide di ammazzarlo. QUI l'articolo completo.
A nulla sono valse le petizioni, gli appelli, la pagina Facebook. NULLA.
Si sono tolti il fastidio.
M13, questo l'appellativo dell'orso.
Facile no? Una sigla non dice nulla, è più facile sbarazzarsene. Un numero e due colpi.
Mi sembra una storia già sentita troppe, troppe volte.

Perchè un altro modo c'era, solo che non hanno voluto nemmeno pensarci.
Si poteva addormentare e portare di nuovo in Italia o in parco protetto, meglio comunque della morte che ha fatto.
Si poteva cercare di spaventarlo di più, di allontanarlo.
Ma no no, invece SPARIAMOGLI, COSTA MENO E DA MENO ROGNE.

Quest'orso è stato AMMAZZATO perchè "metteva in pericolo" esseri umani. Ma che politica è? A parte che al massimo si avvicinava per cercare cibo non ha mai fatto male a nessuno, ma poi davvero non possiamo, non potevano gli Svizzeri tanto "civili" trovare una soluzione alternativa, magari in collaborazione con associazioni che li avrebbero certamente aiutati?
DA FASTIDIO: ELIMINIAMOLO.

Non sappiamo proprio avere rispetto di tutto ciò che è diverso da noi. Crediamo di essere i padroni del pianeta, ma io spero che un giorno tutto questo si rivolti contro di noi e che queste creature si prendano una bella rivincita.




Commenti

  1. Lo so fa schifo. Intanto però ho una buona notizia anzi due:
    - La prima che la Marshall ha rinunciato ad opporsi al sequestro cautelativo dei Beagle di Green Hill, il che significa che 2700 cagnolini non saranno restituiti ai vivisettori ma rimarranno nelle mani delle amorevoli famiglie affidatarie
    -La seconda è che il Giappone ha dovuto rinunciare momentaneamente alla pesca delle balene (la flotta ha avuto un contrasto con le navi di Greenpeace . Ora dal momento che per la pesca ai cetacei rimangono solo 18 giorni può essere che non riescano a riorganizzarsi, quindi c'è la concreta possibilità che per quest'anno le balene siano salve.

    RispondiElimina
  2. Grazie per queste due splendide notizie!!!!!!!!!!
    Qualcosa per fortuna funziona...Si dovrebbe fare un blog delle buone notizie e basta!

    RispondiElimina
  3. Triste, tristissimo.
    E mortificante, per la schifosa razza umana. Che meriterebbe di essere sbranata per intero. Da orsi balene, cani e così via.
    Una carezza sul musone peloso...

    RispondiElimina
  4. anche io lo spero (e penso accadrà)... la natura si rivolterà!

    RispondiElimina
  5. Non mi considero un animalista nel senso militante del termine però certe cose mi fanno davvero stare male.
    In fondo è solo un animale, mi si dice. E però non è così semplice.
    Da quando ho i miei bambini mi rendo più conto di cosa significhi essere responsabile per altre creature.
    Perchè certo, un orso può essere pericoloso, ma dalla facilità con cui lo si è tolto di mezzo si capisce QUANTO fosse inerme.
    Dal fatto che come si è mosso è andato a disturbare qualcuno si capisce quanto territorio gli abbiamo tolto.
    E' un po' come quando mi dicono "fai smettere di piangere il bambino perchè disturba tutti". Certo che cerco di farlo smettere ma mica posso imbavagliarlo.
    Esiste una cosa che è IL RISPETTO e se dobbiamo averlo per gli altri esseri "importanti" e "potenti" come noi direi che dobbiamo averlo due volte maggiorato per le creature di cui siamo responsabili.
    Che poi...se ci pensi a Yosemithe gli orsi vagano senza troppi problemi e anzi quel che si dice è che gli uomini NON devono lasciare robe da mangiare ad esempio in macchina.
    Cioè tutto va bene se anche gli uomini imparano a stare di più al loro posto.

    RispondiElimina
  6. Grazie per le vostre risposte.
    Mi rendo conto che occuparsi di un animale selvatico a cui NOI abbiamo tolto il territorio sia faticoso. Ma trovo che sia doveroso. Anche per insegnare qualcosa ai nostri piccoli, alle future generazioni che spero avranno più rispetto per il pianeta e per le creature che stiamo facendo estinguere per motivi più che futili, non ultimi test cosmetici, inquinamento, pellicce e scarpe griffate.

    Ma finchè il mondo non sarà a posto dobbiamo far sentire la nostra voce e protestare. SI invecchia quando si smette di lottare, e di incuriosirsi, e di tenere a qualcosa che è fuori di noi.

    Concordo con Cily al 100% sulla questione del rispetto. Quando gli umani imparano a stare al loro posto, tutto funziona meglio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA