Passa ai contenuti principali

The Hobbit, 27 morti inaspettate (anche 3d)

 
 
Adoro il cinema. E adoro gli animali ancora di più.
Il cinema è intrattenimento, arte. Ma come tale non può e non deve negli anni "illuminati" in cui ci vantiamo di vivere, nei Paesi che chiamiamo avanzati permettere che altri animali muoiano durante le riprese.
Non me ne frega nulla che Peter Jackson blateri di morti non avvenute durante le riprese e scuse più o meno viscide.
27 animali innocenti sono morti PERCHE' The Hobbit è stato girato, questo mi basta per incazzarmi. Questo mi è bastato per boicottare il cinema con mio grande dispiacere. E non comprerò mai un dvd e un blu-ray di questo film, perchè io non pago Peter Jackson neanche per sbaglio.
 
3 cavalli
6 oche
6 pecore
12 polli
 
Un po' troppe anime per pensare ad "incidenti" o "morti naturali".
Troppe per uno stupido film, con tutto il rispetto.
Una finzione non può passare sopra tutto questo. Non si può pensare di far morire una povera bestia innocente per le riprese di un film.
NON SI PUO'.
E' immorale, è orribile.

Già vedo quelli che si alzano in piedi pronti a dire "eh ma c0'è la fame nel mondo quelli sono veri problemi". Certo,a nche quelli sono veri e serissimi problemi causati SEMPRE da noi mondo occidentale che sfrutta e poi fa finta di non vedere morte, guerre e carestie.

Ma questo non toglie che io possa soffrire per queste povere bestie e per sentire Mr. Jackson che accusa la PETA (associazione di massimo rispetto e serietà) di "volersi fare pubblicità" durante la prima del film con una protesta a detta sua "pretty pathetic".

Una cosa manca oggi, a molti uomini che occupano abusivamente questo pianeta: le palle di alzarsi e dire "mi sono sbagliato, perdonatemi".
"Non lo sapevo, ma chiedo scusa per loro". "Sono rammaricato, rimedierò creando un centro di controllo per gli attori animali durante i miei film".

Tra l'altro...con il CGI di oggi non c'è davvero più bisogno di utilizzare animali veri.
Però sapete COSTA DENARO.
Meglio impiegare qualche stupida oca e qualche stupida pecora, tanto se muoiono non li reclama nessuno.

Commenti

  1. Beh, penso che un grosso e prolungato lavoro come quello di Peter Jackson comporti inevitabilmente qualche rischio per uomini e animali. Ma è grave che nessuno abbia fatto nulla per gli animali morti, dal momento che non hanno chiesto loro di trovarsi lì. Male, mr. Jackson, molto male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un rischio che gli animali non scelgono liberamente e per cui non vengono pagati.

      Elimina
  2. Veramente male mr. Jackson. Gli animali vanno rispettati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già. La produzione smentisce e lui continua a dire che non non sono morti direttamente a causa sua.

      Elimina
  3. Lo scopro ora. Sembra assurdo, a pensarci. Al di là della CGI, c'è gente che dovrebbe occuparsi di queste cose - di prevenire gli incidenti, intendo. Soprattutto per una grossa produzione come questa, che di impatto potrebbe averne.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm... "Ne ha avuto", non "potrebbe averne".

      Elimina
    2. C'è un'associazione che dovrebbe vigilare su queste cose. Ma sai. Tutto costa. Tempo, denaro, fatica. Tanto...si trattava solo di ovini oche e cavalli, che vuoi che sia.

      Elimina
  4. Caspita non sapevo nemmeno io. Tre cavalli addirittura poi?! Come cazzo si fa a uccidere 3 cavalli?!

    RispondiElimina
  5. Incredibile che con le tecnologie moderne che quasi permetterebbero di ricreare gli animali al computer, si sacrifichino animali veri per girare un film... bah.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già. Incredibile. O meglio, meno costoso degli effetti al computer.

      Elimina
  6. Posso sapere come sono morte le 27 bestiole?

    Grazie.

    Tra l'altro credo che per dar da mangiare a tutta la troupe ne abbiano ammazzate molte di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La questione delle bestie che muoiono per dar da mangiare è ugualmente importante, ma qui non si tratta di questo.

      Si tratta di animali caduti in fosse profonde e lasciati morire lì, di bestiole con la spina dorsale spezzata, di oche e ovini al freddo e tenute in una struttura pericolosa dove spesso si sono ferite, di alimentazioni cambiate che hanno fatto morire di colica.
      Non sono stati accuditi come dovuto. Ecco cosa è stato.
      E solo dopo le proteste di quelli che le vedevano morire è stato fatto qualcosa per gli altri animali, altrimenti ci sarebbe stata un'ecatombe.
      Solo per un film.

      Elimina
  7. Non sapevo... ma quell'organizzazione animalista (peraltro abbastanza autorevole) che vigila sulle produzioni cinematografiche americane che stava facendo mentre c'era questa strage di cavalli, pecore e polli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti riferisci alla AHA? Che tra l'altro appoggia la produzione nel negare la questione contro la PETA.
      Che interesse avrebbe la PETA di boicottare un film lo sanno solo loro...
      Sta di fatto che i mandriani stessi che si occupavano delle bestie hanno denunciato il fatto, e a seguito di questo poi ci hanno fatto più attenzione.
      Ma intanto 27 anime sono morte. E non serve che Jackson dica "io non ho provocato DIRETTAMENTE la morte degli animali".

      Elimina
  8. Solo alcune Riflessioni su Uomini e Animali :

    I cani ci guardano dal basso. I gatti ci guardano dall'alto. I maiali ci trattano da loro pari.
    Winston Churchill

    È ingiustizia dire di un uomo cattivo: ha il cuore d'un cane; sarebbe assai più giusto, invece, dire di un cane: ha il cuore d'un uomo.
    Libero Bovio, Don Liberato si spassa, 1937

    Gli uomini sono animali molto strani: un miscuglio del nervosismo di un cavallo, della testardaggine di un mulo e della malizia di un cammello.
    Thomas Henry Huxley, Lettere, 1895

    L'uomo si distingue dagli animali da parecchi tratti notevoli. Paga le tasse, ascolta rock and roll, si rade i peli del viso e cucina buona parte del suo cibo.
    Philippe Meyer, I progressi del progresso, 1998

    Pare che il Padreterno – per compensare l'uomo dalle enormi deficienze fisiche nei confronti degli animali – lo abbia dotato della ragione. Omettendo però di fornirlo della combinazione per servirsene.
    Alessandro Morandotti, Minime, 1979/80

    Temo che gli animali vedano nell'uomo un essere loro uguale che ha perduto in maniera estremamente pericolosa il sano intelletto animale: vedano cioè in lui l'animale delirante, l'animale che ride, l'animale che piange, l'animale infelice.
    Friedrich Nietzsche, La gaia scienza, 1882

    Grazie Lady Simmons per i temi da te trattati che sono sempre attuali e di "forte" interesse per tutti noi !
    Aunt M

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per la risposta, bellissime frasi, le metterò nel Simmons Quote!

      Elimina
  9. Ma alla fine dei film non c'è sempre una dicitura che afferma che gli animali non sono stati maltrattati per le riprese? Che tristezza leggere cose così nel 2013, è proprio vero che il progresso e la civiltà sono cose che devono ancora raggiungere il genere umano.

    RispondiElimina
  10. Io diffido un po' delle notizie di questo genere, quando messe in correlazione con film di grande notorietà. Però, se è stato confermato anche da quelli che si occupavano degli animali, allora penso sia vero e chiaramente penso sia un comportamento da condannare.

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA