Passa ai contenuti principali

LE DIMENSIONI CONTANO

Come dimostra questo splendido video suggeritomi dal collega Giorgio Rivetto, inesauribile fonte di notizie e gossip spaziale.
Mentre lo guardate pensate a quanto sembrano piccine le beghe umane, le lotte di potere, le bestialità televisive, le guerre, l'arraffare i soldi...
E certamente non possiamo essere soli.

Commenti

  1. Sicuramente non siamo soli, sarebbe stupido il solo pensarlo.

    RispondiElimina
  2. Io invece, andando controcorrente, dico che il "non siamo soli" non è così scontato... Sarà che una volta ho letto la quantità di variabili che sono state necessarie per permettere lo sviluppo delle cellule organiche e la loro organizzazione in forme complesse e, beh, si tratta veramente di una gigantesca quantità di situazioni che devono accadere contemporaneamente.

    RispondiElimina
  3. Beh, tenendo conto che il sole è una delle stelle di una galassia che ne conta poco meno di quattrocento miliardi e che nel cosmo le galassie sono stimate in centocinquanta miliardi e che con le ultime osservazioni è ritenuto probabile che ogni sole sia accompagnato da uno o più pianeti, sarà sufficiente provare a fare una moltiplicazione per sapere quante potenzialmente possono essere le terre. Certo, il tutto deve ancora passare nella strettoia dell'Equazione di Drake, ma sarebbe davvero contrario a ogni logica pensare che la nostra razza sia (o sia stata o sarà) l'unica specie intelligente. Ovviamente che la razza intelligente a noi più vicina abiti nelle macchie di Magellano o su MACS0647 e che sia quindi irraggiungibile per noi è altrettanto ovvio.

    RispondiElimina
  4. Se esistono altre forme di vita, forse sono più intelligenti di noi e ci stanno alla larga, vista la grande propensione del genere umano di distruggere tutto ciò che gli capita a tiro e la sua voglia di "civilizzare" tutto ciò che (solo dal suo ristretto punto di vista) vede inferiore.

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA