Passa ai contenuti principali

Guy Portoghese

Come in un brutto film, questa sera mi è arrivato un sms. Guy Portoghese non c'è più. Non suonerà più, non sentiremo più il suo sassofono, la sua voce,  nè la sua risata, nè vedremo mai più i suoi occhi.
Nel web lo stesso paragrafo parla della sua carriera e di come si sia mancato nel sonno.
Ma non c'è solo questo, di Guy.
Un talento, un artista che ha fatto della musica prima una passione, poi la sua vita.
Più di un amico per me.
Una persona creativa, allegra, che non passava certo inosservata nella tua vita. 

Ti devo molto, Guy, dai miei 14 anni ad oggi. E non trovo le parole adatte per dirtelo, ora che posso solo piangere avendo nelle orecchie e nel cuore la tua musica.
Mi dispiace un mondo per la tua famiglia, la tua compagna e la tua piccina.

Mi mancherai tanto, su qualsiasi palco tu sia a suonare il tuo wild saxophone. Ti voglio un mondo di bene.



...si infiamma la tua anima
nell’alito di sax
muta il tuo volto
nel momento in cui la musica
inizia la sua danza.
Note di sax
si rincorrono
sul tuo fiato contralto
ricordi e musica, musica ovunque...

Foto di proprietà dei Rock n Roll kamikazes

CORRIERE DEL MEZZOGIORNO
REPUBBLICA
LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO
GOOD DESIGN SOCIETY
BARI TODAY
ELEZIONI MARTINA
COLORI VIVACI
HYPERBROS
NET1NEWS
REPUBBLICA BARI





Commenti

  1. Cacchio, un grande sassofonista e nemmeno sapevo che esisteva? Ho dato un'occhiata e mi sono fatto un embrione d'idea. Beh, peccato davvero, condivido.

    RispondiElimina
  2. Guy non era solo un sassofonista.
    Gay era un uomo di gran umilta..
    La tua risata era contagiosa..
    Grazie per tutte le volte che ci hai fatto ridere,ballare e divertire..
    Sta luna pere na scorza e limone e come blu stu cielo e cartone..
    Grazie Guy
    Paolo

    RispondiElimina

Posta un commento

Bando alla pigrizia, commenta!

Post popolari in questo blog

KEEP CALM & CARRY ON - the beginning

Una libreria storica, un tempo stazione ferroviaria, in cui viene voglia di andare a trascorrere un pomeriggio nella OLD WAITING ROOM.
Si tratta della Barter Books e della vera storia dell'arcinoto slogan KEEP CALM AND CARRY ON, ideato dal governo inglese (assieme ad altri due slogan) nel 1939 per sorreggere il morale del popolo britannico all'inizio della Seconda Guerra Mondiale.
Qualche anno fa il poster fu scoperto appunto nella libreria Barter Books, in una scatola di vecchi libri vinti ad un'asta, generando un entusiasmo ed una diffusione imprevisti.
Qui il negozio ufficiale della libreria che propone i tre poster originali. e qui uno dei tanti shop on line che propone tovaglie, tazze, poster e altri gadget.

La Barter Books è una tra le 20 librerie più belle al mondo. Seguirà un post a rriguardo, intanto, a voi la storia


e qualcuna delle declinazioni più simpatiche:









FONTE NOTIZIA: blog BLOGGING WOLF

Henri Cartier Bresson - mostra a Torino

Henri Cartier Bresson credeva che ogni azione, ogni soggetto, ogni situazione vivesse prima o poi un momento decisivo, un attimo importante, da fotografare.
Un fotografo che ha testimoniato il secolo scorso, anche attraverso la pittura, con i suoi scatti su momenti storici rilevanti o quotidiani. Un artista che ha trovato essenziale viaggiare per nutrire la sua arte, perchè le sue Leica non fossero passatempo, ma occhio vigile sulla realtà, in ogni declinazione.
Ha fotografato la storia, la miseria umana, attori del cinema e scrittori, con uno stile in bianco e nero senza virtuosismi, ma fatto i occhio, cuore e anima allineati, come diceva spesso.
A Torino fino al 24 giugno 2012 c'è sua una mostra di 180 foto a Palazzo reale. Ci sono andata ieri e ne sono uscita emozionata.

Non amo particolarmente "quel" genere di foto, soprattutto dedicato a volti e persone.
Ma è inevitabile restare affascinati dagli scatti sopravvissuti all'autore, immagini in perpetuo movimento. P…

BUONE VACANZE A TUTTI

Ci rivediamo a settembre. Fate almeno una cosa al giorno che vi rende felice, evitate le costrizioni e viaggiate tanto, fisicamente o mentalmente (a libera declinazione).

Spero al ritorno di rittrovare il blog Nocturnia aperto.
Cyberluke hai visto The Talking Dead??

Baci

CREDITS: foto di IVANA PORTA